Nuovo servizio Legalmail per la ricezione delle Fatture BtoB

LA SOLUZIONE PER IDENTIFICARE, VISUALIZZARE E SALVARE LE FATTURE ELETTRONICHE RICEVUTE VIA PEC ED EVITARE IL RISCHIO DI APPARIRE INSOLVENTI

versione italiana Da gennaio imprese e professionisti possono inviare le proprie fatture elettroniche ad altri soggetti privati utilizzando il canale PEC to PEC. Le fatture trasmesse via PEC da un’impresa o un professionista transiteranno attraverso il Sistema di Interscambio di SOGEI e raggiungeranno l’indirizzo PEC del destinatario chiamato al pagamento.

Per rispondere all’esigenza di quanti dovranno gestire le fatture elettroniche ricevute via PEC, InfoCert ha lanciato oggi il nuovo servizio “Fatture BtoB” – il primo sul mercato ad essere direttamente integrato nella PEC – che consente agli utenti Legalmail di:

  • identificare immediatamente i messaggi PEC in entrata che recano fatture passive in allegato (distinguendoli, pertanto, dagli altri messaggi in arrivo),
  • visualizzare le fatture elettroniche in un formato leggibile,
  • smistare automaticamente i messaggi e le fatture elettroniche allegate in una cartella specifica,
  • scongiurare il rischio che le fatture ricevute vengano trascurate o percepite come spam o virus.

Il rischio è concreto, visto che l’allegato contenente la fattura in formato XML (quello previsto dalla normativa) risulta praticamente illeggibile e il destinatario di una fattura elettronica BtoB, che “incolpevolmente” la smarrisca, può rapidamente apparire insolvente o essere, suo malgrado, coinvolto in contenziosi.

Per evitare tutto questo, chi già possiede una casella Legalmail in versione Gold o Silver non dovrà far altro che attivare gratuitamente il servizio per averlo a disposizione per sempre senza oneri aggiuntivi.

I titolari di altre versioni di Legalmail potranno sperimentarne i vantaggi grazie a una promozione gratuita di 6 mesi.

Scopri di più su come attivare il servizio e visualizzare le fatture in Legalmail.